20 January 2017

Pucón, piena di turisti sotto il vulcano Villarica

Sabato 17 marzo 2012

Mi avevano parlato di Pucón, la perla del turismo della regione di Villarica, sovrastata dall’imponente vulcano (semiattivo) omonimo. Il problema è che in questo periodo è pieno, ma proprio pieno di gente.

È sabato e faccio anche fatica a trovare un alloggio che siano uno. Sembra che metà Santiago si sia trasferita qui. Alla fine, dopo due ore di infruttuosa ricerca, scovo miracolosamente un letto in una camerata di un ostello.

Inoltre in questo finesettimana nella zona c’è anche una devastante riunione di giovani evangelici: sono migliaia e tutti vogliono regalarti la loro pubblicazione religiosa, mah.

Pucón è situata in una posizione invidiabile, tra laghi, vulcani e quant’altro. Infinite le attività proposte nella regione: terme, cavalli, kayak, camminate, moto, biciclette, parchi nazionali, cascate, discese di torrenti, sci (d’inverno).

Ma questo non è proprio il periodo migliore per venire qui, dove sembra che vi si siano riversate milioni di persone. Forse anche per questo sono comparsi cartelli del genere: «non si serve gente che abbia fretta».

Anche la spiaggia sul lago Villarica con sabbie nere vulcaniche,

scoppia di gente.

Il vulcano (2847 metri), anche lui Villarica, ti guarda in qualsiasi angolo del paese ci si trovi.

L’ultima devastante eruzione risale al 1971 (con una minore nel 1984).

Alla fine si lascia vedere la sommità.

Con una guida e partendo molto presto è possibile salire (con qualche difficoltà) fino al cratere per poi scendere scivolando sulla neve. Chi l’ha fatto ne parla meraviglie, ma purtroppo questo non è il momento migliore, ripasseremo (?) in un altro viaggio.

Prima di ripartire, alla sera mi rifocillo in una parrilla,

con un decente bife de chorizo (bisteccona),

e cucinata come da richiesta.

Alla sera nelle vie del centro non si passa quasi neanche a piedi.

Domani il viaggio continua in posti più tranquilli.

 

Comments

  1. giuseppina says:

    de
    lizioso
    delizioso

Lascia un commento

*