17 January 2017

Perché questo viaggio?

Enemonzo, martedì 14 luglio 2009

Varie “scuse” si sono piano piano aggiunte fino ad arrivare alla decisione di intraprendere questa avventura.

L’obiettivo principale del viaggio è la Georgia. Già nel 2003 c’ero stato, sempre via terra ma con un autobus diretto İstanbul-Tbilisi. Purtroppo non avevo molto tempo a disposizione e non mi potei fermare per strada, né esplorare la regione. Da allora, ogni anno avevo in mente di ritornare almeno in Georgia.

Lì potremo contare sul preziosissimo aiuto del nostro amico Giorgi che ci guiderà alla scoperta del suo fantastico paese, tra montagne misteriose, chiese antichissime e tradizioni millenarie, soprattutto legate al vino. Spero di riuscire a visitare anche gli altri paesi del Caucaso meridionale, incluse le repubbliche non riconosciute (o riconosciute da pochi), per le quali dovrò verificare sul posto la situazione.

Avendo tempo a disposizione, volevo ripetere la dimensione del viaggio via terra, stavolta in treno ed includendo anche alcune località nell’estremo Est della Turchia.

Posteriormente, si è facilmente aggiunta anche la parte balcanica che mi permette di ritornare in Serbia dopo otto mesi e a Sarajevo e a Mostar dopo cinque anni.

Questo viaggio rappresenta anche una scusa per iniziare finalmente un blog, dopo aver subìto per anni le preziose insistenze di vari amici. Se funzionerà, così come il programma radio, potrà essere riproposto in futuri viaggi.

Lascia un commento

*