19 January 2017

Contro il Bologna un punto guadagnato

Giovedì 3 febbraio 2011

L’Udinese non è andata oltre il pareggio al “Friuli” contro il modesto Bologna mancando la sesta vittoria consecutiva in casa.

Dopo l’entusiasmo delle ultime due straordinarie vittorie con l’Inter e in casa della Juventus ci si immaginava potesse sopraggiungere un momento di rilassamento mentale.

Qualcuno chiama anche in causa la stanchezza: dopo l’anticipo del prossimo sabato, di nuovo in casa contro la Sampdoria, l’Udinese avrà disputato 3 partite in 6 giorni; Bologna-Roma di domenica scorsa invece non è stata praticamente giocata causa neve.

Ma è evidente che sui bianconeri è pesata non poco l’assenza del Niño Sánchez, in forma smagliante nelle ultime uscite. Bisogna immaginare la consistenza di questa squadra nella prossima stagione, dopo che Pozzo avrà venduto il cileno e qualche altro pezzo pregiato e con Di Natale con un anno in più. Soprattutto se il Paròn, come al solito, non comprerà nessun calciatore affermato…

Ieri il sostituto di Sánchez era Germán Denis, non proprio un fulmine di guerra, comprato d’occasione per fare il panchinaro. Prima della partita in centro a Udine abbiamo visitato l’“Udinese Store” (ci si chiede come mai ha un nome in inglese?).

Un anonimo tifoso sperava proprio che l’argentino potesse esplodere,

ma non è stato proprio così…

La partita. Fa freddo e non c’è molta gente sugli spalti.

Nella curva ospite uno dei pochi tifosi emiliani chiede senza indugio la maglia di Di Vaio.

Entrambi gli allenatori sono degli ex. Il Bologna di Malesani è miracolosamente ancora vivo, nonostante per mesi i giocatori non abbiano ricevuto gli stipendi (da qui anche una penalizzazione di 3 punti). I felsinei possono però contare su un bomber di razza come Marco Di Vaio, tra l’altro abbonato a segnare all’Udinese.

Tra i bianconeri assente anche Handanovič per infortunio, sostituito dal “portiere di Coppa” Belardi. Sulle fasce Isla e Armero sono bloccati dagli accorgimenti di Malesani. Si vede che stasera né l’Udin né il suo Capitano sembrano ispirati. Un regalo del difensore Moras lascia Totò da solo davanti al portiere, ma il suo tiro non è irresistibile e Viviano para.

Se Di Natale avesse marcato l’agognato 100° gol in bianconero probabilmente l’Udinese non avrebbe faticato così tanto, invece è stata l’unica vera occasione del primo tempo. Per il Bologna un paio di giocate pericolose.

Nella ripresa la musica non cambia. Dopo una punizione di Totò deviata dalla barriera e finita sulla traversa, al 65’ arriva la rete del solito Di Vaio, con un rasoterra lento ma preciso su cui Belardi sembra avere qualche responsabilità. È il 50° gol dell’attaccante con la maglia rossoblù.

Punta sul vivo l’Udinese reagisce e negli ultimi 20 minuti inizia finalmente a giocare. La reazione c’è e per fortuna arriva il pareggio di Domizzi (alla seconda rete consecutiva!) che sfrutta un’incertezza della difesa su una punizione di Di Natale.

Si può tirare un sospiro di sollievo.

Allo scadere è ancora il Bologna in contropiede a sfiorare il gol con Meggiorini, ma Belardi compie il miracolo salvando il risultato.

A parte Inter (0-3 nel posticipo a Bari) e Palermo (2-1 in casa alla malcapitata Juventus), tutte le altre squadre della zona alta della classifica hanno perso punti. Sarebbe stata una buona occasione per portarci avanti, ma per come si erano messe le cose il pareggio contro il Bologna è un punto guadagnato. A patto però di vincere sabato l’anticipo contro la Sampdoria.

Comments

  1. Eccomi qua sul nuovo sito del nostro Viandante, Gastronomade, Futbolero… Probabilmente faccio parte di quei puristi di cui parlavi nall’email, ma penso che un po’ alla volta imparerò ad apprezzare il nuovo sito e le sue numerose categorie…
    Mercoledì sera ottenuto un punto che fa classsifica, contro un Bologna che sarà modesto (ma non troppo) nei valori tecnici, ma che ha già messo in difficoltà diverse squadre. La vittoria sarebbe stata meritata soprattutto pensando alla gara di andata quando, nonostante l’immeritata sconfitta, si capì che l’Udinese di Guidolin non valeva assolutamente gli zero punti in classifica.
    Speriamo di raggiungere sabato i 4 punti in classifica in 2 partite interne di cui parlava l'”osservatore” incravattato rivisto nel nostro settore dopo anni di assenza…
    P.S. il tifoso con la maglia di Denis ha preteso l’anonimato? Bè, come dargli torto, vista anche l’ultima prestazione del “Tanke”….

    • bravo miele, grazie di essere tornato anche in questa nuova “casa”!
      si, il bologna ha messo in difficolta’ varie squadre, ma pensare che ha fatto 4 punti con l’udinese non quadra molto.
      l’ospite incravattato dei 4 punti chissa’ quando lo rivedremo in curva…
      credo che in questo periodo tutti (quali?) i tifosi di dênis debbano pretendere l’anonimato!
      a domani, anche con il post (in breve metto su il “pre” di mercole),
      g

Lascia un commento

*