20 January 2017

Mourinho silura Casillas e affonda sempre di più. 16 punti a natale!

Domenica 23 dicembre 2012

Altra giornata da ricordare nella Liga e nuovo tonfo del Real Madrid grazie anche alle polemiche decisioni di Mourinho, in perenne guerra anche con i suoi giocatori.

portada Marca 23 12 12a

Nel tardo pomeriggio il Barça passava tranquillamente per 1-3 a Valladolid, con la dedica a Tito Vilanova appena dimesso dall’ospedale. Prima della partita l’allenatore, operato giovedì scorso, aveva mandato un messaggio speciale alla squadra con una delle sue frasi tipiche: «Seny, pit i collons» (qualcosa come “buon senso e coraggio”, tralasciando molti dettagli nella traduzione).

Di Xavi, Messi e Tello le reti; l’argentino ha chiuso l’anno solare con l’iperbolica cifra di 91 gol anche se la notizia è che ne ha segnato solo uno: Messi era stato protagonista di una doppietta in ognuna delle ultime sei partite.

Subito dopo andava in scena il Real Madrid a Málaga, ormai un avversario diretto per uno dei posti di Champions e allenato da quel Manuel Pellegrini silurato dalla Casa Blanca proprio per fare posto a Mourinho. Anche se in settimana il Presidente Florentino Pérez aveva chiesto al portoghese di smetterla con le sue provocazioni, Mou ha pensato bene di lasciare in panchina addirittura Iker Casillas, Capitano della squadra e titolare indiscutibile nelle ultime dieci stagioni. Ha assicurato che è stata una decisione tecnica e che il portiere di riserva Adán si presentava in migliori condizioni, ma è evidente che si tratta dell’ennesimo episodio di una guerra intestina allo spogliatoio madridista.

Trascinato da uno strepitoso Joaquín e da Isco premiato come miglior giovane europeo, il Málaga batteva per 3-2 il Madrid portandosi a due lunghezze dalle merengues che a loro volta si ritrovano a ben 16 punti di distacco dal Barça (dopo 17 giornate!). Difficilmente si riescono a trovare simili statistiche nel curriculum immacolato di Mourinho.

Il portoghese si giocherà tutto a cavallo tra febbraio e marzo, soprattutto negli ottavi di finale di Champions nella non facile sfida contro il Manchester United. Tra il 27 febbraio e il 5 marzo, il Madrid vivrà una settimana di passione con il ritorno delle semifinali di Copa del Rey (sempre che riesca ad arrivarci e con il rischio che trovi il Barça), il clásico al “Bernabéu” valevole per la Liga e il ritorno di Champions a “Old Trafford”. Auguri.

Come cantava una settimana fa tutto il “Camp Nou”, «Mourinho quédate, nosotros te queremos, Mourinho quédate» (Rimani Mourinho, noi ti vogliamo bene):

Lascia un commento

*