19 January 2017

Ani, l’antica capitale armena

Ani, domenica 16 agosto 2009
Ani rovine Chiesa San Gregorio Illuminatore 1

Ci svegliamo a Doğubayazıt in una splendida mattina. Dall’ultimo piano del nostro alberghetto dove facciamo colazione godiamo di una nuova vista dell’Ararat, distante solo 15 km.

Dogubayazit colazione guardando il Monte Ararat

Salutiamo la grande montagna che spero di rivedere tra qualche settimana dalla parte armena.

Monte Ararat da Dogubayazit 3

Ritornati a Kars ci dirigiamo verso Ani, l’antica capitale armena distante 45 km.

strada Kars Ani 1

strada Kars Ani campi 1

Le piste precedenti sono un ricordo: ora possiamo sbizzarrirci in un’autostrada a quattro corsie, costruita di recente e quasi vuota.

strada Kars Ani 3

A parte qualche carro pieno di fieno.

strada Kars Ani 2

E le oche presenti da queste parti su strade grandi e piccole.

strada Kars Ani oche 1

Si nota invece una novità, un carretto trainato da un cavallo con due grandi ruote e con una specie di rastrello per raccogliere più agevolmente il fieno.

strada Kars Ani carro rastrello

Su una collina l’ennesimo monumento alla patria turca con annessa bandiera.

strada Kars Ani monumento turco

Ani oche 1

Combustibile organico ad essicare.

Ani combustibile organico

Ani prima delle rovine

Appena passato il piccolo villaggio omonimo appaiono le possenti mura di Ani, di cui è rimasta in piedi solo l’entrata.

Ani rovine bastioni dall'esterno

Mille anni fa, al momento del suo massimo splendore, Ani aveva oltre 100mila abitanti e rivaleggiava con le altre metropoli dell’epoca, come Costantinopoli. Arrivando proprio da İstanbul fa un certo effetto vedere questo deserto di rovine.

Ani rovine panorama da Iç Kale fortezza cittadella

Costruita su importanti vie di comunicazione, Ani divenne capitale dell’Armenia sotto la dinastia dei Bagratidi nel 961. Nel 1045 cadde sotto il controllo bizantino e nel 1064 capitolò di fronte all’assedio dei Selgiuchidi turchi che ne massacrarono la popolazione. Successivamente Ani passò spesso di mano: la dinastia curda dei Shaddadidi, i Georgiani, l’ennesima distruzione ad opera dei Mongoli da cui iniziò la decadenza, Tamerlano, i Safavidi sciiti fino all’Impero Ottomano. È abbandonata dalla metà del XVIII secolo.

Ani rovine particolare

Nell’ampia zona archeologica le rovine più o meno in piedi sono pochissime. Nonostante questo rimaniamo senza fiato. Sapevamo che Ani meritava una visita, ma non ci aspettavamo emozioni così forti.

Ani rovine fiume Akhurian Arpa Çayi confine con Armenia

Il sito è parzialmente delimitato da uno strapiombo sul fiume Akhurian (Arpa Çay in turco) che segna la frontiera con l’Armenia, nei cui pressi si vedono garitte e torrette.

Ani rovine fiume Akhurian Arpa Çayi confine con Armenia 3

Questa regione è rimasta a lungo una zona militare (fino a vent’anni fa questo era il confine con l’Unione Sovietica) e solo pochi anni fa venne aperta al turismo, pur con molte limitazioni.

Ani rovine bastioni dall'interno

Attraversata la cadente porta principale, si vede una distesa di erba con pochissime costruzioni in lontananza.

Ani entrata sito archeologico

Le prime garitte. Dall’altra parte del fiume è già Armenia. È sorprendente che non si veda nessuno in giro e che la zona sembri poco presidiata. I contadini raccolgono tranquillamente il fieno poco oltre il sito archeologico.

Ani rovine torretta frontiera con Armenia 2

Immagino come si possa sentire un armeno in visita in questa regione, magari in breve se e quando apriranno la frontiera: l’Ararat, il genocidio, Ani, per cui si deve anche pagare anche un biglietto d’entrata. Il sito archeologico non è tenuto benissimo e si capisce che ai turchi non interessi molto preservarlo.

Ani rovine Chiesa del Redentore in rovina

La Chiesa del Redentore (1034-36) è la prima che si incontra, ovvero solo un moncone di essa.

Ani rovine Chiesa del Redentore iscrizioni

Era quasi intatta fino a circa cinquant’anni fa, quando gran parte crollò per una tempesta.

Ani rovine Chiesa del Redentore particolare

Girandoci intorno si vede che a parte i sostegni per evitare ulteriori cedimenti non è stato fatto molto. Dall’interno la semicupola sembra stia per cadere da un momento all’altro.

Ani rovine Chiesa del Redentore interno

Poco oltre, in basso su un’ansa del fiume, sorge la Chiesa di San Gregorio l’Illuminatore (1215), ora in ricostruzione.

Ani rovine Chiesa San Gregorio Illuminatore 2

È l’unica in cui siano ancora visibili degli affreschi.

Ani rovine Chiesa San Gregorio Illuminatore affreschi

I tempi sono cambiati. Fino a pochi mesi fa non si poteva venire qui sotto: alle zone del sito archeologico più vicine al confine era proibito l’accesso.

Ani rovine Iç Kale fortezza cittadella

Lo stesso capitava con la Cittadella (İç Kale, VII secolo), che domina l’intero sito sotto la bandiera turca.

Ani rovine Iç Kale fortezza cittadella con bandiera

Siamo fortunati a poterci salire. Solo da qui si può avere una visione d’insieme di Ani, difficile da ottenere standoci in mezzo. Lungo il percorso abbiamo raccolto dei frammenti visivi che solo da questo punto privilegiato si ricompongono in una visione di insieme.

Ani rovine fiume Akhurian frontiera da Iç Kale fortezza cittadella

È difficile immaginare come apparisse questa città al suo apogeo un migliaio di anni fa.

Ani rovine Cattedrale iscrizione

In mezzo al sito appare anche la Cattedrale, a suo tempo sede del Patriarcato Armeno, la cui costruzione risale al 989-1010.

Ani rovine Cattedrale

La sua cupola crollò nel 1319.

Ani rovine Cattedrale interno

A seguire la Moschea di Menüçir, con uno strano minareto ottagonale che sembra più che altro una torre.

Ani rovine moschea Menuçer Camii

Poco sopra, vicinissimo, c’è il confine, con le garitte armene.

Ani rovine torretta frontiera con Armenia

Il fiume ha scavato un solco nelle colline circostanti.

Ani rovine fiume Akhurian Arpa Çayi confine con Armenia 2

Sotto, i soliti animali brucano nei pressi dell’altro fiume (Alaca) oltre le transenne del sito.

Ani rovine fiume Alaca

Un’altra chiesa dedicata a San Gregorio (fine del X secolo) stavolta con la cupola intatta, ma non il resto.

Ani rovine Chiesa San Gregorio altra

Ani rovine iscrizioni armeno antico

All’interno si vedono dei graffiti armeni di inizio Novecento.

Ani rovine graffiti novecento

Siamo quasi alla chiusura. Una guardia del sito fa un giro di ispezione… in ciabatte.

Ani rovine custode in ciabatte

Furio fa notare che abbiamo visto gente lavorare in giacca e cravatta, pastori in giacchetta e muratori che lavoravano in cantiere in pantofole.

Ani esterno rovine 2

Ani esterno rovine 1

Riprendiamo la strada per Kars, tra mandrie di mucche di passaggio.

Ani dintorni mandria

Un altro mausoleo turco.

Ani dintorni mausoleo turco

E carri trainati da cavalli.

villaggi intorno a Ani 4

Facciamo però una deviazione per cercare delle chiese armene perse nei paesini del circondario. Prendiamo una stradina disfatta tra panorami di campi ubertosi e laghetti sperando che la Hyundai tenga ancora per qualche ora.

villaggi intorno a Ani steppa 1

villaggi intorno a Ani steppa 2

Le solite oche

villaggi intorno a Ani oche 2

Ogni tanto qualche rapace.

villaggi intorno a Ani rapaci

Siamo entrati in un’altra dimensione, ancor più rurale, in piena steppa. Parabole dappertutto, ammassi di torba.

villaggi intorno a Ani 3

villaggi intorno a Ani 2

Ci chiediamo se gli abitanti di questi villaggi abbiano visto qualche occidentale negli ultimi anni.

villaggi intorno a Ani 1

Le famose chiese armene sono dei ruderi abbandonati in mezzo ai villaggi.

villaggi intorno a Ani chiese armene 1

Ma non possiamo neanche scendere per la presenza di moltissimi cani incazzati in ogni paesino.

villaggi intorno a Ani tramonto 2

villaggi intorno a Ani oche

Ormai il sole sta tramontando ed è ora di tornare verso la strada principale evitando di rimanere impantanati in qualche villaggio.

villaggi intorno a Ani tramonto 1

Come sempre arriviamo a Kars al buio, giusto in tempo per riconsegnare la Hyundai (in uno stato pietoso, come previsto).

Cerchiamo un ristorante per gli ultimi kebab, visto che domani sera se tutto va bene saremo già in Georgia. Nessuno ci convince e poi ne infiliamo uno senza renderci conto del nome: si chiama “Ani Ocakbaşi”.

Kars ristorante Ani

Kars ristorante Ani corba

Kars ristorante Ani kebab

Lascia un commento

*